LA RISERVA NATURALE DI MONTENERO

   

Sulle colline dell’Alta Valdera

tra Volterra e San Gimignano, si estende sulle pendici settentrionali di Monte Nero a 508 metri di altezza

Passeggiando tra i suoi boschi sempreverdi, lambendo le chiare acque del Torrente Strolla, è possibile ammirare le spettacolari forre o il volo dei rapaci che qui nidificano numerosi. La riserva è un piccolo mosaico di ambienti diversi, circondata da importanti testimonianze storiche e architettoniche, incastonata nel caratteristico scenario agricolo toscano.

Attraversata dal torrente Strolla, la cui azione erosiva sulle rocce basaltiche ha creato un suggestivo ambiente naturale, l’area si localizza nell’alto bacino del fiume Era a costituire una peculiare isola verde immersa nelle vaste aree agricole presenti sulle colline plioceniche circostanti.
Una antica Pieve, detta della Nera, domina la Valle del torrente Strolla. Non lontano dalla Pieve è possibile osservare i pochi resti del castello medievale della Nera, situato su un piccolo altopiano calcareo dove i suggestivi affioramenti rocciosi costituivano la difesa naturale del castello. Fuori del perimetro della Riserva, poco prima della Pieve, si trova la leggendaria Fonte del Latte, dalla quale sgorga, secondo la tradizione, un’acqua magica e portentosa in grado di procurare il latte alle madri.

LEGGI DI PIÙ

Situata sulle colline plioceniche dell’Alta Valdera, tra Volterra e San Gimignano, la Riserva si estende sulle pendici settentrionali di Monte Nero (508 m), modesto ma erto rilievo posto alle spalle della Villa di Ulignano.

Coincide interamente con territorio appartenente al Patrimonio Agricolo Forestale Regionale.
Il sentiero che la attraversa tocca anche terreni di proprietà privata.

Nonostante la sua ridotta estensione (circa 69 ha) la visita alla Riserva permette di osservare alcuni dei più caratteristici ambienti del paesaggio della Valdicecina. Dai boschi sempreverdi a dominanza di leccio ai rimboschimenti di conifere, dai peculiari ambienti legati all’affiorare delle rocce ofiolitiche alle limpide acque del Torrente Strolla con le sue spettacolari forre. Un piccolo mosaico di ambienti diversi circondato da importanti testimonianze storiche e architettoniche, come la Pieve della Nera o la Villa di Ulignano, ed inserito in un caratteristico paesaggio agricolo collinare, ove è facile osservare il volo dei numerosi rapaci che nidificano nella Riserva.

SERVIZI E INFORMAZIONI

2 sono gli accessi principali raggiungibili in auto da cui proseguire a piedi alla scoperta della Riserva attraverso il suo Sentiero Natura NM1, entrambi posti sulla strada sterrata comunale di Ulignano nel Comune di Volterra: Podere Cafaggiolo e Podere Capanne.
E’ presente una sola area di sosta attrezzata in coincidenza dell’ingresso principale, in località Cafaggiolo.
Per il servizio di visita guidata: Consorzio Turistico Volterra Valdicecina – +39 0588 87257info@volterratur.it

Norme di Comportamento
La regolamentazione delle attività all’interno delle Riserve è demandata ad un apposito regolamento approvato dalla Provincia di Pisa. Il regolamento fornisce preziose indicazioni relativamente alle modalità di accesso e di visita, alla possibilità di realizzare attività di campeggio e pic-nic, di raccolta dei prodotti del sottobosco e di altre attività umane compatibili con gli obiettivi di conservazione delle Riserve.

Le Riserve Naturali della Valdicecina

Scopri le ricchezze floro-faunistiche e geologiche delle Riserve

Photo Credits: Davide Bettini, Massimo Gentili, Mauro Barsacchi

Percorsi e suggestioni

Idee per passeggiate ed escursionismo

L'anello della riserva naturale di Montenero

SCOPRI IL PERCORSO
Tipo percorso: a piedi
Lunghezza: 6,916 Km
Difficoltà: per Escursionisti

Valdicecina per te:
guide e mappe a portata di click!

In modo facile e veloce, per te tutte le informazioni che servono

Consorzio Turistico Volterra Valdicecina Valdera S.c.r.l.
Via Franceschini, 34 - 56048 Volterra (PI) - PIVA 0130834050
Operazione/Progetto stanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020